Home


Contatti

Chi siamo

Dove siamo

 

Impianti Elettrici
Civili, Industriali
per il Terziario

Tecnologici
Impianti Domotici
Elettronici
Allarme
Videocontrollo Automazione
Citofonici e Videocitofonici

 Telefonici
Centralini
Reti Locali
ADSL

 TV e SAT
Digitale Terrestre
Satellitare

Informatici
Assistenza Tecnica
Installazione

 

Interruttore Differenziale ("Salvavita")

A cosa serve un "Salvavita"....

L'interruttore differenziale (detto anche "Salvavita" dal nome commerciale coniato dalla bticino) è un dispositivo elettrotecnico in grado di interrompere un circuito in caso di guasto verso terra (dispersione) o folgorazione fase-terra.
I cavi che conducono la corrente elettrica sono generalmente due: la fase e il neutro. Poichè la corrente entra dalla fase, percorre i circuiti ed esce dal neutro, in condizioni normali quella entrante deve essere uguale a quella uscente. Se ciò non accade significa che una parte di essa sta percorrendo strade diverse, come il corpo umano in caso di scossa elettrica (contatto diretto) o per cedimento dell'isolante, ad esempio, di un elettrodomestico collegato all'impianto di terra.
L'interruttore differenziale confronta continuamente la corrente entrante con quella uscente e scatta quando avverte una differenza.

In figura è rappresentato un contatto diretto: in sua assenza le correnti A e C sono uguali e il differenziale non interviene, ma nel caso specifico C=A-B, per cui il differenziale avverte una differenza pari a B e se questa è superiore alla sua soglia di sensibilità, interviene.

E' importante far notare che la presenza di un impianto terra efficiente in caso di dispersione produce lo sganciamento del "Salvavita" in maniera automatica. Altresì in caso di sua assenza il suo intervento si realizza solamente dopo una dolorosa scossa prodotta dalla corrente che attraversa il corpo verso terra, come disegnato nel figura sopra e,  a causa della differente resistenza del corpo umano, in tempi difficilmente quantizzabili. Non è raro assistere a casi di scosse che non producono nessun effetto sul "Salvavita" a causa dell'elevato isolamento da terra dell'individuo (la sostituzione di una lampadina in piedi sopra una scala di legno isolata dal pavimento, ad esempio).

Tuttavia l'interruttore differenziale n
on offre alcuna protezione contro sovracorrente o cortocircuito tra fase e fase o tra fase e neutro, per i quali è invece richiesto un interruttore magnetotermico. Sono molto diffusi in commercio apparecchi che integrano entrambi i dispositivi (vedi figura sopra), altrimenti si parla di interruttori differenziali puri.


Da cosa si vede se abbiamo il "Salvavita" oppure no.....

Il "Salvavita" generalmente si trova all'interno del quadro elettrico vicino al contatore oppure  nel centralino dell'appartamento.
E' riconoscibile perché ha una una levetta che serve per  per ridare corrente all'impianto elettrico ed ha un pulsante blu o bianco con una T (test) che serve per verificarne il corretto funzionamento con indicazioni del tipo 25A  0,03A o similari.
 

Come valutare se funziona il  "Salvavita"......

Per saperlo dovete premere il pulsantino bianco o blu posto sullo stesso e, se funziona, scatterà la levetta verso il basso, togliendo alimentazione all'impianto elettrico.
Questa prova andrebbe eseguita una volta al mese.

Attenzione :
Se l'interruttore differenziale funziona con il tasto di prova vuol dire che è vivo, ma non è detto che sia in ottima salute. La certezza sul suo funzionamento la si ha solo simulando, con un apposito apparecchio, in dotazione ai migliori installatori, una dispersione di corrente. Tale apparecchio restituisce anche il valore della resistenza di terra in modo tale da verificare l' adeguatezza del "Salvavita" a detto impianto.

I "Salvavita" di ultima generazione dotati di riarmo automatico, hanno spesso integrata anche la funzione di "Autotest" evitando così all'utente di effettuare la sopraddetta prova e garantendo il regolare funzionamento dello stesso..



Il costo di una sostituzione del "Salvavita" guasto.....

Gli impianti elettrici e i guasti non sono tutti uguali, quindi è difficile stabilire un prezzo unico per tutti i casi. Bisogna innanzi tutto capire perchè è accaduto quindi agire di conseguenza.
Solitamente la sostituzione di un interruttore differenziale "Salvavita", adeguato ai nuovi contatori ENEL  costa circa 150,00 Euro + iva

Attenzione : Con l'introduzione da parte di ENEL dei nuovi contatori elettronici (quelli bianchi) il valore della corrente in caso di guasto potrebbe arrivare a 6000 Ampere. Tale valore è riportato, in piccolo, su ogni nuovo contatore elettronico e per norma gli interruttori "Salvavita" devono avere, di pari passo, lo stesso valore. Qualora il "Salvavita" fosse installato in prossimità del contatore elettronico, assicuratevi sempre che tale valore venga rispettato.

 


Il D.M. 37/08 (ex legge 46/90) obbliga l'installazione del "Salvavita" su tutti gli impianti elettrici.

 

NEWS

Promozioni
Allarmi

Promozioni

Agevolazioni
Fiscali


Area Clienti
Cataloghi on-line

Prevenzione

Collaborazioni

Tecnica

Normative

Marche trattate

 

 

 

Copyright ©  ElettriTec  - Tecnologie Elettrotecniche ed Informatiche  - Siena   |  P.Iva  01224720522 

Sito  ottimizzato per Microsoft Internet Explorer  e  schermo con risoluzione  1280 x 1024 pixel.