Home


Contatti

Chi siamo

Dove siamo

 

Impianti Elettrici
Tradizionali,
Domotici,
SmartHome:
Civili, Industriali,
per il Terziario,
l' Alberghiero

Tecnologici
Risparmio Energetico
Video/Citofonici
Citofonici Wireless
Allarmi Tecnici
Barriere d' Aria
Elettroinsetticidi
Riscaldamento
Automazioni
Piccoli lavori

Illuminazione Led

 Telefonici / Rete

Telefonia
ADSL
Reti Cablate

 TV e SAT
Digitale Terrestre
Satellitare

Informatici
Assistenza Tecnica
Installazione
Reti wi-fi

 

 



Bonus Fiscale 50% Ristrutturazioni Edilizie
e Impianti Elettrici

Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia, dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019, può fruire della detrazione d’imposta Irpef pari al 50% calcolato su un limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare.



 

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

Tuttavia, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019 è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

 

click qui per maggiori info

Si tratta di una novità di grande interesse anche per gli impianti elettrici. In base alle indicazioni dell’Agenzia delle Entrate sono infatti agevolabili:

1-  gli interventi generali di messa in regola degli impianti elettrici ai sensi del DM 37/2008 (ex legge 46/90), così come gli interventi di riparazione di impianti insicuri (esempio: riparazione di una presa malfunzionante);

2-   i seguenti interventi specifici:

singole unità abitative

-          Allarme/sistemi antifurto (finestre esterne: installazione, sostituzione dell’impianto o riparazione con innovazioni; apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline; fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati)
-          Cablatura degli edifici (opere finalizzate alla cablatura degli edifici, a condizione che interconnettano tutte le unità immobiliari residenziali)
-          Citofoni, videocitofoni e telecamere (Sostituzione o nuova installazione con le
opere murarie occorrenti)
-          Risparmio energetico (opere finalizzate al risparmio energetico, realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette - detraibili, purché sia certificato il raggiungimento degli standard di legge)
-          Salvavita (sostituzione o riparazione con innovazioni)
-          Installazione apparecchi di rilevazione gas
-          Installazione di sistemi di comunicazione, robotica e tecnologici più avanzati, per favorire la mobilità interna ed esterna per i disabili


parti condominiali

- Allarme (riparazione senza innovazioni dell’impianto o riparazione con sostituzione di
alcuni elementi)
- Salvavita (riparazione senza innovazioni o riparazione con sostituzione di alcuni
elementi)


CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti privati assoggettati all’Irpef. In particolare, l’agevolazione spetta non soli ai proprietari, ma anche ai titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie) ed agli inquilini di un immobile.


COSA SI DEVE FARE PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE Presupponendo che i lavori siano svolti dal proprietario e considerato che gli interventi sull’impianto elettrico non comportano di regola l’apertura di un cantiere né la necessità di richiedere autorizzazioni, per poter fruire della detrazione per il contribuente sarà sufficiente:

1) effettuare i pagamenti con bonifico bancario o postale cosiddetto “parlante”, dal quale cioè risultino:

- causale del versamento (riferimento all’art. 16-bis del TUIR)
- codice fiscale del soggetto che paga
- codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

NOTA BENE: Al momento del pagamento del bonifico, banche e poste devono operare una ritenuta pari al 7%, a titolo di acconto dell’imposta dovuta dall’impresa che effettua i lavori.

2) indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile


3) conservare ed esibire, a richiesta degli uffici finanziari, i seguenti documenti:
- le ricevute dei bonifici di pagamento nonché le fatture e ricevute comprovanti le spese
sostenute;
- dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (=autocertificazione) in cui indicare la data di inizio dei lavori e attestare che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili;
- le ricevute di pagamento dell’ICI/IMU, se dovuta
- la delibera assembleare di approvazione dell’esecuzione dei lavori (per gli interventi su parti comuni di edifici residenziali) e tabella millesimale di ripartizione delle spese
- domanda di accatastamento (se l’immobile non è ancora censito)


NOTA BENE: Per gli interventi realizzati sulle parti comuni condominiali, il contribuente, in luogo di tutta la documentazione prevista, può utilizzare una certificazione rilasciata dall’amministratore del condominio, in cui lo stesso attesti di avere adempiuto a tutti gli obblighi previsti e indichi la somma di cui il contribuente può tenere conto ai fini della detrazione.

 

Questa pagina è solo informativa: per ulteriori dettagli si consiglia di
rivolgersi al proprio commercialista.

 

Per ulteriori informazioni clicca qui sotto:

o scarica l' allegato dell'agenzia delle entrate

 


 

È possibile richiedere questi servizi contattandoci ai numeri

 347 - 71 54 657
 

320 - 85 07 197

o anche scrivendo all’indirizzo email per un preventivo

info@gamberucci.it

info@elettritec.it

 




Allarmi Senza Fili

Nuovi impianti

 Catalogo

Promozioni
Allarmi

Videosorveglianza
  Telecamere digitali
  Videoregistratori

ElettriTec Security

 

NEWS


Agevolazioni
Fiscali


Area Clienti
Cataloghi on-line

Prevenzione

Collaborazioni

Tecnica

Normative

Marche trattate

Prezzi

 

Copyright ©  ElettriTec  - Tecnologie Elettrotecniche ed Informatiche  - Siena   |  P.Iva  01224720522 

Sito  ottimizzato per Microsoft Internet Explorer  e  schermo con risoluzione  1280 x 1024 pixel.